lunedì 15 dicembre 2014

TRAVEL STORIES #11: VISITA ALLA CANTINA LIS NERIS

Ciao a tutti,

oggi torno con un post di viaggio dedicato ad una visita ad una famosa cantina friulana: Lis Neris di San Lorenzo Isontino.


In questo periodo l'azienda organizza visite guidate con degustazione presso la loro tenuta di San Lorenzo Isontino previa prenotazione.

Sabato 13 dicembre ho avuto modo di partecipare ad una di queste visite guidate completamente gratis.




La visita comincia recandoci dove tutto inizia: le vigne. Il territorio dove vengono coltivate le viti dell'azienda è molto particolare per ragioni climatiche e morfologiche ed è proprio da qui che il vino prende le sue caratteristiche organolettiche.
Questo luogo si trova infatti in una zona molto particolare tra il confine Sloveno a nord e la riva destra del fiume Isonzo a sud, si caratterizza di 70 ettari di terreno e presenta le caratteristiche di un piccolo altopiano (57 metri sopra il livello del mare) di ghiaie trascinate a valle dalle acque di scorrimento dei ghiacciai delle Alpi Orientali. Il clima in questa zona è ambivalente perché se da un lato presenta le caratteristiche del clima Mediterraneo dato dall'influsso del mare Adriatico vicino, dall'altro viene mitigato dai venti balcanici ovvero dalla Bora che soffia da est e si incanala in questa specie di corridoio naturale che si è formato nel tempo. L'aspetto del terreno ghiaioso e del clima sopra descritto fanno sì che questo territorio sia naturalmente adatto per la coltivazione di uve bianche che daranno poi vini bianchi di alta qualità.


Il sistema di allevamento delle viti come potrete notare anche dalla foto è il Guyot con la sua tipica forma a V, l'azienda inoltre coltiva le piante senza l'uso di diserbi chimici, le potature e tutte le operazioni sulle vigne vengono fatte manualmente così da rispettare la natura e l'equilibrio dell'ambiente.




La visita è poi proseguita all'interno della cantina dove abbiamo potuto fare una degustazione molto particolare di alcuni vini: ci è stato infatti proposto l'assaggio di tre Pinot Grigio di cui di uno erano note le caratteristiche mentre degli altri due no. L'appassionatissimo proprietario ci ha guidato nella fase olfattiva e poi di assaggio dei vini proponendoci il Gris, un Pinot Grigio del 2013 e poi altri due Gris di annate diverse di cui non sapevamo nulla. Attraverso la degustazione e le varie considerazioni fatte ognuno di noi ha potuto esprimere le proprie impressioni e preferenze in base a quello che sentiva degustando il prodotto.
L'azienda produce anche vini rossi ma la migliore espressione del territorio si ha nei vini bianchi.

La visita per quanto mi riguarda è stata molto interessante, molto ben strutturata per quanto concerne la spiegazione del prodotto, le sue origini e il perché di tutte le sue caratteristiche organolettiche. Il tutto è stato spiegato in modo molto piacevole, senza troppi tecnicismi che potrebbero risultare noiosi per chi non è un addetto ai lavori. Il personale e in particolar modo il proprietario è stato molto gentile, disponibile e preparato.


Vi consiglio quindi la visita di questa cantina e la degustazione dei loro vini se vi trovate in zona o semplicemente se siete amanti del mondo enologico.

Fatemi sapere se ci siete mai stati o se avrete intenzione in futuro di andarci e quali saranno le vostre impressioni a riguardo!