venerdì 15 luglio 2016

CAFFÈ AMARO- SIMONETTA AGNELLO HORNBY RECENSIONE

Incuriosita dalla popolarità di questo romanzo mi sono decisa a leggerlo, nonostante non avessi letto mai nulla di questa scrittrice. Vediamolo insieme!


La Trama:

Siamo nel periodo del fascismo, Maria è una giovane ragazza di una famiglia modesta quando viene data in sposa a Pietro Sala, ricco rampollo di famiglia benestante.
Pietro di molti anni più vecchio di lei la inizierà all'amore e alla vita coniugale. Ma per Maria il vero grande amore della sua vita sarà sempre Giosuè con cui è cresciuta, amico di famiglia.
Presto Maria si troverà a dover far fronte alle bizzarrie del marito ma soprattutto a pagare i suoi debiti di giochi e tollerare le molteplici scappatelle di lui.
La passione con Giosuè tornerà in auge presto tanto che ne nascerà anche una figlia, Rita, che però verrà riconosciuta da Sala. Tutto ciò all'interno di un contesto di guerra e fascismo.


Cosa ne penso?

Questo libro si configura come romanzo storico, svariate le parti descrittive dell'epoca e del contesto storico della Sicilia di quegli anni. All'interno la storia di Maria, da quando è giovane (15 anni) alla sua vecchiaia. Il racconto scorre fluido in ordine cronologico senza nessuna particolarità narrativa. Il linguaggio che adotta l'autrice è costellato di termini siciliani sullo stile Montalbano per intenderci. Tutto ciò molto contenuto e capibile, io non ho riscontrato difficoltà nel intendere il senso del discorso (sono Veneta).
Trovo che il miglior modo per costruire un romanzo storico sia quello di crearci all'interno una storia di vita o d'amore fra vari personaggi e contestualizzarli in un determinato periodo storico. Simonetta Agnello Hornby ci è riuscita molto bene a mio parere creando una storia convincente e non noiosa.
Ve lo consiglio? Sicuramente se vi piace il genere. Una chance gliela darei.

E voi lo avete letto? Cosa ne pensate? Come al solito fatemelo sapere con un commento qua sotto se vi va! ^_^

Laura