martedì 22 novembre 2016

NICK HORNBY- ALTA FEDELTÀ RECENSIONE

Oggi parliamo di un autore a me sconosciuto fino ad ora: Nick Hornby.


(frasicelebri.it)
Scheda tecnica:

Traduttore: L. Noulian
Editore: Guanda
Anno edizione: 1999
Formato: Tascabile
Pagine: 253 p. cartaceo; 209 ebook


La trama:
Rob ripercorre la sua vita sentimentale fin da quando era ragazzino, le prime uscite, le delusioni, le prime scoperte, fino ad arrivare alla sua attuale relazione con Laura, giovane avvocato in carriera della city londinese che un giorno decide di andarsene di casa e lo lascia.
Da lì Rob comincia a ripensare al suo rapporto con Laura, a quello che lei ha dovuto subire da parte sua: un tradimento e un aborto a seguito della scoperta della relazione clandestina.
Questo libro parla dei sentimenti di un trentenne che lavora in un negozio di dischi, con una grandissima cultura musicale ma che forse è rimasto adolescente a livello di maturità sentimentale. 


Cosa ne penso?
Mi è piaciuta molto la scrittura veloce, fruibile e sciolta di Hornby. Come premesso all'inizio del post era il primo libro che leggevo di questo autore. 
Devo dire la verità: non è il libro della vita, come non è il libro che lascia un segno indelebile. A tratti anche molto leggero, si legge bene e in modo scorrevole. La storia è infarcita di riferimenti musicali quasi ad ogni frase, ciò potrebbe essere un elemento interessante per gli appassionati del settore oppure un elemento di disturbo per chi invece non è interessato all'argomento.
Trovo i ragionamenti e le riflessioni dell'autore (che esprime attraverso il suo protagonista Rob) molto azzeccate e molto realistiche rispetto a quelle che sono le dinamiche delle relazioni fra persone nel nostro tempo.
In generale vi consiglio questo libro? Sì, come lettura leggera, scritto abbastanza bene, non noioso o banale, il suo punto forte a mio avviso è la scorrevolezza.

E voi lo avete letto? Cosa ne pensate? Fatemelo sapere con un commento qua sotto se vi va!

Laura