sabato 24 giugno 2017

IL TRIBUNALE DELLE ANIME- DONATO CARRISI

L'estate è arrivata, cosa fare di meglio sotto l'ombrellone se non leggere un buon libro? In questo post ti parlo dell'ennesimo libro di Donato Carrisi che ho letto ^_^.
(amazon.it)
SCHEDA TECNICA:

Editore: TEA
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
Pagine: 466 p. cartaceo, 358 e-book

La trama:
Roma è battuta da una pioggia incessante. In un antico caffè, vicino a piazza Navona, due uomini esaminano lo stesso dossier. Una ragazza è scomparsa. Forse è stata rapita, ma se è ancora viva non le resta molto tempo. Uno dei due uomini, Clemente, è la guida. L'altro, Marcus, è un cacciatore del buio, addestrato a riconoscere le anomalie, a scovare il male e a svelarne il volto nascosto. Perché c'è un particolare che rende il caso della ragazza scomparsa diverso da ogni altro. Per questo solo lui può salvarla. Ma, sfiorandosi la cicatrice sulla tempia, Marcus è tormentato dai dubbi. Come può riuscire nell'impresa a pochi mesi dall'incidente che gli ha fatto perdere la memoria? Anomalie. Dettagli. Sandra è addestrata a riconoscere i dettagli fuori posto, perché sa che è in essi che si annida la morte. Sandra è una fotorilevatrice della Scientifica e il suo lavoro è fotografare i luoghi in cui è avvenuto un fatto di sangue. Il suo sguardo, filtrato dall'obiettivo, è quello di chi è a caccia di indizi. E di un colpevole. Ma c'è un dettaglio fuori posto anche nella sua vita personale. E la ossessiona. Quando le strade di Marcus e di Sandra si incrociano, portano allo scoperto un mondo segreto e terribile, nascosto nelle pieghe oscure di Roma. Un mondo che risponde a un disegno superiore, tanto perfetto quanto malvagio. Un disegno di morte. Perché quando la giustizia non è più possibile, resta soltanto il perdono. Oppure la vendetta. Questa è la storia di un segreto invisibile... (IBS.it)


Cosa ne penso?
Come al solito, non serve neanche dirlo, Donato Carrisi è una garanzia: leggendo un suo libro sai di andare sempre sul sicuro. Anche questo "Tribunale delle anime" non fa eccezione, un bel thriller ricco di suspance e colpi di scena scritto in maniera impeccabile.
La saga del penitenziere Marcus e della fotorilevatrice della scientifica Sandra si ritrova in molti libri dell'autore, chi ne ha letti altri come me si troverà sicuramente a suo agio anche con questo.
Carrisi è bravo oltre che a creare storie dagli argomenti molto particolari e interessanti, anche a mescolare il pathos del giallo con la storia d'amore. Il tutto è sempre molto ben bilanciato all'interno dei suoi romanzi senza che vi sia una preponderanza di una o dell'altra parte.
Quello che forse qui ho trovato un po' faticoso è stato questo continuo intreccio di vari casi: ho avuto infatti qua e là dei cali di attenzione che mi hanno portata a perdermi un po' tra nomi, personaggi e vicende. Ma probabilmente devo fare io mea culpa.
La parte che mi è piaciuta di più è stata quella finale perché mi ha tenuto letteralmente con il fiato sospeso come è giusto che sia in questo genere di romanzi. Carrisi è molto bravo a farlo.
Sebbene la sua scrittura non sia mai particolarmente arzigogolata ma anzi molto asciutta, non scade mai nel banale e questo lo ritengo un grande pregio. 

In generale te lo consiglio vivamente se ti piace il genere ovviamente e se vuoi leggere un autore che merita a livello di contenuti e anche di stile. Con l'estate imminente può essere un titolo interessante da tenere in considerazione per i momenti di relax in arrivo.

E tu l'hai letto o hai intenzione di farlo? Ti aspetto nei commenti! ^_^.

Laura