lunedì 11 settembre 2017

DUE PASSI AD ODERZO

In provincia di Treviso troviamo una cittadina ricca di storia e cultura: Oderzo. Scopriamola insieme!
(Il Torresin)
L'origine della città viene ricondotta all'XI secolo ad opera dei Paleoveneti, la città si chiamava Opterg che significa Piazza del mercato.
La zona all'epoca si presentava collinosa ed era posta tra il Monticano e un ramo del Piave ora non più esistente, tale zona si configurava come strategica dal punto di vista commerciale. 
Con l'espansione a nord della Repubblica Romana comincia una lenta romanizzazione della città, testimoniata da vari reperti archeologici rinvenuti nel XX secolo.
(Foro romano)

Nel I sec. a. C. Cesare elevò la città a Municipium e concesse la cittadinanza romana ai suoi abitanti. In questo periodo la città visse un suo grande momento di gloria diventando così una delle più grandi del nord-est italiano, arrivando quasi a 50.000 abitanti. Solo con lo sviluppo di Julia Concordia perse il dominio sulla zona del Friuli.
Al Museo Archeologico sito in Palazzo Foscolo troviamo reperti che testimoniano la gloria di Opitergium: reperti di epoca pre-romana, romana e tardo-antica.
(Palazzo Foscolo)
Palazzo Foscolo è anche sede della Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea e della Pinacoteca intitolata all'artista Alberto Martini.
Una grande particolarità di Oderzo è la sua Piazza Grande: è considerata una delle piazze più belle del Veneto per la sua forma a palcoscenico che tra l'altro ogni anno ospita il famoso festival "Opera in piazza"

La cittadina nel suo complesso si estende in una rete di vie porticate attraversate da corsi d'acqua con suggestivi vicoli chiamati Contrade, tra cui la Contrada rossa e la Contrada del Cristo.

Duomo di San Giovanni Battista


La sua costruzione risale all'XI sec., venne costruito sulle rovine di un antico tempio di Marte.
L'aspetto originale era in stile romanico-gotico ma è stato pesantemente compromesso dai lavori fatti nei secoli. All'interno sono conservate alcune opere di Pomponio Amalteo.
Il campanile invece, è stato edificato nel Cinquecento sulla base di una torre della vecchia cinta muraria, ha una pendenza di 98 centimetri.
A circa mezz'ora di auto da Treviso troviamo quindi una cittadina molto suggestiva e soprattutto ricca di storia che merita sicuramente una visita se si è in zona.
Laura