lunedì 21 maggio 2018

STORIA DI CHI FUGGE E DI CHI RESTA- ELENA FERRANTE

Sto proseguendo con la lettura della saga dell'Amica Geniale e questo è il terzo capitolo, scopriamolo insieme!
SCHEDA TECNICA:

Editore: E/O
Collana: Dal mondo
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 30/10/2013
Pagine: 382 p.

La trama:
Elena e Lila, le due amiche la cui storia i lettori hanno imparato a conoscere attraverso L’amica geniale e Storia del nuovo cognome, sono diventate donne. Lo sono diventate molto presto: Lila si è sposata a sedici anni, ha un figlio piccolo, ha lasciato il marito e l’agiatezza, lavora come operaia in condizioni durissime; Elena è andata via dal rione, ha studiato alla Normale di Pisa e ha pubblicato un romanzo di successo che le ha aperto le porte di un mondo benestante e colto. Ambedue hanno provato a forzare le barriere che le volevano chiuse in un destino di miseria, ignoranza e sottomissione. Ora navigano, con i ritmi travolgenti a cui Elena Ferrante ci ha abituati, nel grande mare aperto degli anni Settanta, uno scenario di speranze e incertezze, di tensioni e sfide fino ad allora impensabili, sempre unite da un legame fortissimo, ambivalente, a volte sotterraneo a volte riemergente in esplosioni violente o in incontri che aprono prospettive inattese. (IBS.it)

Cosa ne penso?
In questo terzo volume così come nei due precedenti troviamo tutta la forza della scrittura di Elena Ferrante: le due protagoniste Lila ed Elena sono sempre caratterizzate nella maniera più forte possibile; questa capacità dell'autrice è secondo me il suo tratto peculiare, riuscire a delineare con quasi brutale realismo le emozioni, le passioni, i sentimenti delle due protagoniste. Quel che ne esce è un ritratto di una Napoli barocca, piena e ridondante, a volte in contraddizione con se stessa sempre a paragone con un nord delineato in maniera più austera e fredda. I soliti stereotipi dirai tu, effettivamente lo sono ma il modo in cui la Ferrante li porta al lettore è assolutamente coinvolgente e mai scontato.
Questo rapporto inusuale e strano fra le due protagoniste continua ad essere centrale all'interno della storia, direi che è la colonna portante di tutta la serie di racconti (mi sbilancio anche se non ho ancora letto il quarto). Banalmente potremmo definirlo un rapporto d'amore ed odio, le due si cercano, si vogliono bene, si sostengono ma allo stesso tempo sono anche le peggiori nemiche l'una per l'altra. 
Una continua altalena tra trovarsi e allontanarsi che però le configura come legate per sempre da un filo indissolubile. Il personaggio di Lila è molto particolare e originale, una bambina che già dalla tenera età dimostra tutta la sua forza, quasi bestiale, quasi sovrumana, di cui Elena rimane affascinata e a tratti impaurita, che condizionerà anche la sua vita di donna futura.

In generale trovo che l'autrice abbia una capacità di scrittura considerevole, tiene il lettore attaccato alle pagine perché lo coinvolge emotivamente e mai banalmente.
Una lettura che assieme agli altri volumi della serie consiglio vivamente.

Laura

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono molto graditi perché permettono di confrontarsi, spero siano sempre nel rispetto degli altri, se offensivi verranno cancellati.

Info sulla Privacy